L’aquilone

 

 

Stella cometa di carta variopinta
il lungo filo del tuo gioioso scudo
ripara il cuore da pensieri bui.
Lucente  andare
indichi sempre
la strada da seguire.
Simile ad un boomerang
che non ritorna indietro
ti inoltri verso lidi più puliti
dove quello che conta non si conta,
dove l'amor si dona senza sconto.
Caro aquilone!
Scovarti in cielo è raro,
volo del cuore,
giocattolo geniale,
i nostri occhi,
quelli dei bambini!
Signori della guerra,
governanti,
mi ascoltate?
Vi prego, operatori,
ci ascoltate?
Fabbriche di aquiloni,
non di armi,
fabbriche di aquiloni
in tutto il mondo,
perchè la gente è stanca,
perchè la gente non vuole più la guerra,
perchè la gente desidera la pace.