Forze gravitazionali

 

 

Riflessi d'arcobaleno mantecati
su rocce gialle spericolate
favi di miele d'api essiccato
riverbero allo sguardo turbato
difeso da mani ostinate,
lampi minacciosi
di iridi graffiate dal vento,
frecciano nell'etere
metallici nembi
in argentei graffiti.
Un sottile e solitario pellegrino
si trascina su calzari annodati dal tempo
conducendo un dolce somaro svogliato
attraverso mulattiere di deserti incontaminati.
Stranamente invischiati nel paradosso
di paesi confinanti e diversi
molti dei loro abitanti
rifiutano di dichiarare
l'inquietante presenza di mulini al vento.
Soltanto vetusti pozzi artesiani
custodiscono segreti inconfessabili
alle moltitudini legalizzate.
A volte, il pensiero umano,
produce forze gravitazionali
capaci di creare energia nucleare
una spanna pił in alto del destino umano.