FANTASMI

 

 

Presenze misteriose

di anime perdute.

Qualcuno giura

d'averle vedute.

Spaventapasseri di psiche

i vaghi fantasmi

delle nostre paure.

Ambigui destrieri

roteanti nel nulla,

cavalieri senza macchia

e senza paura,

dame sciagurate

ed uomini invasati

giostrano al tardo tocco

del sentimento buio.

Cassandra rinnega la loro potenza

attribuendoli a maldicenze.

Saffo se ne libera

col suo roccioso volo.

Socrate li beve avidamente.

Ermione voluttuosa

li  accoglie  festosa.

Cesare li sfida a duello.

I vinti li rammentano.

I vincitori li rinnegano.

I morti li posseggono

e i vivi aspettano.