Arabesco

 

"Un velo trasparente
di limpido pensiero
occhieggia
dalla scatola del tempo.
Come forziere
di smalto iridescente,
svela l'involucro,
baci di madreperla,
piega la bocca morbida
ghermendo un arabesco
al volto innamorato.
Rigano lacrime
splendide filigrane,
solcan lucenti giubbe,
palpitan viva porpora
liquefacendo
cuori di raso ardente
privati da custodie.
Nudi,
sussultan tremiti
angoli vulnerabili
di zaffiro scheggiato.
Cosė amore,
interseca arabesco,
dispiega la bellezza
in un panneggio tale
da velare il cielo
con un disegno raro:
l'amore universale.
Essenza supersonica
di un volo avveniristico?"