Il soggetto fondamentale della sua ricerca artistica e l’umanità in senso lato, nella quale l’uomo non è visto solamente come elemento fisico ma soprattutto come elemento mentale, sensoriale ed emotivo.

Una ricerca vastissima che deborda dalla rappresentazione realistica a quella surreale, oppure, ad un misto di entrambe, in tal modo, il soggetto evade dalla realtà per divenire talvolta simbolico.

Ella riveste l’opera di sottile ironia che viene interpretata come elemento di sdrammatizzazione del mondo (cioè dell’immagine) opera che viene esaltata anche da una dimensione teatrale dell’immagine stessa.

La sua propensione per la scultura ha fatto sì che nell’opera si catalizzi una forte dimensione segnica che pervade tutto il dipinto, questo segno che le deriva per aver studiato scultura, praticato lungamente stenografia e, non ultimo, la computer art.

Dimensione segnica che l’ha portata anche alla realizzazione di opere attraverso la computer art, raggiungendo ottimi livelli non soltanto estetici ma soprattutto interiori e riflessivi.

 

Siro Perin

Preganziol  6  Settembre 2014